Una produzione originale

A questo link un breve servizio della Nazione QN sul lavoro di registrazione nella Chiesa della Badia Fiorentina in via del Proconsolo a Firenze con il famoso organista inglese Robin Walker. Si è trattato di un lavoro splendido, che ha richiesto tre giorni di full immersion in una chiesa tra le più belle di Firenze, tanto che sia Robin che io siamo stati ospitati nella clausura del convento attiguo alla Chiesa, abitato dai fratelli delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme. L’organo è uno Zeffirini del 1558, costruito con modalità uniche; ha infatti un temperamento “misto” che gli permette di riprodurre musiche nate e composte in contesti modali non italiani, ma di altre nazioni europee.

La registrazione ha richiesto l’utilizzo di interfacce audio professionali RME, microfoni AudioTechnica e Oktava e preamplificatori microfonici Millennia. Per il cablaggio sono stati usati prodotti dell’azienda italiana Reference. Computer HP e registrazione su supporto a stato solido SSD.

Il posizionamento dei microfoni ha tenuto conto delle caratteristiche di spazialità del suono dell’organo, che raggiunge le sue potenzialità massime quando si arricchisce del riverbero naturale dell’ambiente chiesa; per questo i due microfoni principali sono stati posizionati a circa 25 metri  dallo strumento, che si trova a circa 10 metri d’altezza. Tutto questo senza però rinunciare ad una ripresa ausiliaria in close micking che potesse almeno in parte restituire il dettaglio del suono ravvicinato dell’organo. Qui si è dovuto risolvere anche il problema dovuto alla presenza in registrazione del rumore dei tasti, particolarmente insistente in uno strumento antico come quello utilizzato.

Il risultato della doppia ripresa, gestita in maniera equilibrata, ha fornito un suono potente, maestoso, e allo stesso tempo chiaro e non impastato.

Il repertorio di Robin Walker per questo CD è costituito da brani tutti composti in tempi ravvicinati a quelli della costruzione del’organo.